Esteso al settore agricolo il Fondo di garanzia per le Pmi

Dal 20 luglio anche le aziende agricole possono fare richiesta al Gestore del Fondo, nell’ambito delle misure temporanee di sostegno per l’emergenza Covid, di essere ammesse alla garanzia diretta o in controgaranzia/riassicurazione. Importo massimo finanziabile 25% del fatturato o doppio della spesa salariale.

MEDIOCREDITO CENTRALE (di seguito MCC), Gestore del Fondo per le piccole e medie imprese, comunica l’estensione dell’intervento del Fondo di garanzia alle imprese agricole.

Nello specifico, in applicazione dell’articolo 78, comma 2 quinquies, del D.L. 18/2020 (cd. Cura Italia), l’intervento del Fondo di garanzia per le PMI è esteso anche al settore agricolo. Pertanto a partire dal 20 luglio è possibile trasmettere al Gestore (MCC) sia le richieste di ammissione alla garanzia diretta che richieste di ammissione in controgaranzia/riassicurazione.

Ricordiamo che fino ad oggi il settore agricolo poteva accedere al Fondo PMI solo attraverso i confidi agricoli che, però, di fatto, laddove esistenti, riescono a far erogare finanziamenti in pochissime realtà per importi molto modesti.

È, dunque, un risultato importante che risponde, sin dalla fase legislativa, alle nostre richieste.

Il Gestore segnala anche che:

– in questa prima fase, sarà possibile presentare le sole richieste di garanzia ai sensi delle Misure Temporanee in materia di Aiuti di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19 (art. 13 del D.L. 8 aprile 2020 n. 23_cd.  Decreto Liquidità_ come convertito dalla L. 5 giugno 2020 n. 40)

– per individuare i parametri di riferimento per il calcolo dell’importo massimo finanziabile (25% del fatturato o doppio della spesa salariale) occorrerà prendere in considerazione la tabella di raccordo “Legenda modello di rating per le imprese agricole”, presente nella sezione “Modulistica – Modelli di valutazione e relative legende”

– seguirà successiva comunicazione da parte del Gestore (MCC) per informare della possibilità di presentare richieste di garanzia anche ai sensi del regime “de minimis”.

Per eventuali ulteriori informazioni e chiarimenti contattare il nostro ufficio fiscale.

2020-07-23T12:19:52+00:00 23 Luglio 2020|Notizie|
Apri chat
Bisogno di aiuto? Chatta con noi
Chatta con noi